Home » All'interno di un reparto COVID

All’interno di un reparto COVID

Parte 7 – l’ultima giornata ASSIEME là DENTRO

IL PRIMARIO ENTRA NELLA TUA STANZA A SALUTARTI E PARLA IL TUO STESSO DIALETTO ED E’ STRAORDINARIO, COME TUTTI GLI ALTRI CHE HAI CONOSCIUTO… UN’ANIMA APERTA E MERAVIGLIOSA E LUMINOSA E LO E’, CON TUTTI I PAZIENTI, ALLO STESSO MODO IL TUO LETTO PUO’ SALVARE UN’ALTRA VITA UMANA, E VUOI LIBERARLO A TUTTI I COSTI …

Parte 7 – l’ultima giornata ASSIEME là DENTRO Leggi altro »

Parte 5 – durante

IMPEGNAMOCI A CAMBIARE PRIMA NOI STESSI PER SPERARE POSSA POI CAMBIARE IL MONDO (vero Bočia 😀?) CHIEDI A LORO CHE, SE FANNO TUTTO QUESTO, E’ MISSIONE, E’ EROISMO, ED INVECE E’ SEMPRE STRAORDINARIO CHE TI RISPONDANO CHE E’ SOLO IL LORO MESTIERE CI SONO LORO DUE (SQUADRA SPECIALE DI SIMPATIA ) CHE CON LA LORO …

Parte 5 – durante Leggi altro »

Parte 4 – i contatti dal “bunker”

DIRAI CHE QUEL BRODO CALDO CHE NON SEI RIUSCITA A PORTARCI, CE LO AVETE PORTATO CON IL CUORE, OGNI GIORNO, ED ERA BUONISSIMO E NON LO DIMENTICHEREMO MAI… C’E’ SEMPRE UNA DOCCIA CALDA, DOPO TANTO TEMPO, ED E’ UNA ESPERIENZA ESALTANTE E PURIFICATIVA, DENTRO E FUORI… AI PIEDI, OLTRE ALL’ACQUA, TROVERAI SEMPRE LE SCORIE CHE …

Parte 4 – i contatti dal “bunker” Leggi altro »

Parte 3 – inizi a capire

CAPISCI CHE TUTTI HANNO LO STESSO IDENTICO VALORE ANCHE SE IL LORO COLORE NON E’ SEMPRE UGUALE, MA IL CALORE CHE TI DANNO QUESTO SI’ PERCHE’ SE MANCA UN COLORE ALL’ARCOBALENO, ARCOBALENO NON E’ VERO TIZZY? E GIRI L’ITALIA CON LORO, CON I LORO RACCONTI, DA BRINDISI A TRAPANI, DA NAPOLI A MOLA DI BARI, …

Parte 3 – inizi a capire Leggi altro »

Parte 2 – dentro lì

CI PUO’ ESSERE UN RUSCELLO IN UNA STANZA, UNA MASCHERA PER VIVERE, UN AGO AL PUNTO GIUSTO CON UN FLUSSO PROGRAMMATO, UN MONITOR CHE NON SI FERMA MAI, TUTTI INSIEME “ALLEATI”, CHE UCCIDONO CIO’ CHE AVREBBE UCCISO TE LA PRIMA MATTINA, UNA ARMONIA INTERIORE INTENSA, LA “PRIMA” CHE TI VISITA TI ENTRA DENTRO AD ASCOLTARTI, …

Parte 2 – dentro lì Leggi altro »

STANOTTE

31 ottobre 2020 Stanotte é stato bello dormire per me…. Senza bit bit di macchine Senza ruscello umidificatore dell’ossigeno nella stanza Senza maschera ossigeno di plastica sul viso Senza flebo da fare Senza ossimetro sul dito Potermi girare nel letto, a pancia in giù, in su, a destra e sinistra. LIBERO HO DORMITO SENZA SOGNARE …

STANOTTE Leggi altro »

COME UNGARETTI

27 ottobre 2020 Il poeta Giuseppe Ungaretti disse di sè stesso nel 1963: “La mia poetica di vita è nata in realtà in trincea, la guerra improvvisamente mi ha rivelato il linguaggio. Dovevo dire in fretta, perché il tempo poteva mancare, e nel modo più tragico; in fretta dire quello che sentivo. Se dovevo dirlo …

COME UNGARETTI Leggi altro »